Mannino (M5S) – Acque reflue Augusta: l’Italia non ha norma e il Governo cosa fa?

  • 18 settembre 2014
  • 526 visualizzazioni

Mentre il Governo promette di sbloccare il paese a colpi di trivellazioni e inceneritori, ci sono dei Comuni per i quali l’Italia è stata e rischia ancora di essere condannata da parte della Corte di Giustizia dell’Unione Europea per essere venuta meno a un obbligo basilare: trattare le acque reflue conformemente a quanto stabilito dalla Direttiva 91/271. È il caso del Comune di Augusta nel quale ai problemi drammatici connessi al polo petrolchimico siracusano e alla mancata bonifica dei suoli e delle acque di falda contaminati si aggiungono quelli connessi al mancato trattamento delle acque reflue. Augusta, infatti, è uno degli agglomerati con più di 15 mila abitanti equivalenti rispetto ai quali l’Italia è stata condannata con la sentenza del 19 luglio 2012 della Corte di Giustizia per non aver rispettato gli articoli 3, 4 (paragrafi 1 e 3) e 10 della direttiva 91/271.

In seguito a questa condanna, con una Delibera CIPE n. 60 del 2012 sono stati stanziati dei fondi per la realizzazione degli interventi necessari a dotare Augusta di un sistema di trattamento delle acque reflue a norma con le direttive comunitarie. Stando a quanto esposto nei documenti allegati all’Accordo di Programma sottoscritto dalle parti il 30 gennaio 2013, la progettazione degli interventi relativi alla rete fognaria di Augusta non era stata ultimata, e in relazione a 8 dei 12 interventi da realizzare veniva segnalata la possibilità che i progetti non venissero approvati entro il 30 giugno 2013, che era il termine entro il quale le somme stanziate con la Delibera CIPE dovevano essere impegnate. Con l’interrogazione noi del Movimento 5 Stelle, chiediamo ai Ministri competenti di farci sapere se le somme destinate ad Augusta sono state impegnate, se i progetti sono stati approvati ed entro quale ragionevole termine le direttive comunitarie in materia di trattamento di acque reflue troveranno applicazione anche ad Augusta.

Interrogazione Trattamento Acque Reflue Augusta n. 4/05975

Articoli

Più letti

Mi occupo di...

Menu