Incontro con Assessore regionale ai rifiuti Contrafatto. Claudia Mannino: “Confronto sulle priorità che nel corso di questi mesi abbiamo segnalato”

  • 9 giugno 2015
  • 643 visualizzazioni

Incontro della deputata M5S Claudia Mannino con l’Assessore regionale per i rifiuti, Vania Contrafatto: “Confronto su vicende prioritarie che negli ultimi 6 mesi abbiamo segnalato all’Assessore e denunciato alle autorità competenti. Dalle discariche abusive al piano rifiuti, all’ecotassa, a Bellolampo e l’impianto di TMB, oggetto di una mia visita 10 giorni fa. D’accordo su approccio basato su priorità assoluta alla differenziata e rispetto integrale normative nazionali ed europee. Distanti sul CSS (combustibile solido secondario). Ora invierò nota per gli approfondimenti e per continuare ad operare nell’interesse della Sicilia” 

“L’incontro di oggi in Assessorato è stato da me richiesto per discutere con l’Assessore Contrafatto di tutta una serie di azioni di controllo dell’operato dell’Amministrazione pubblica nel settore dei rifiuti che, unitamente ad altri deputati del Movimento 5 Stelle, sto conducendo e che dunque vedono coinvolta l’Assessore. Ci siamo confrontati sullo stato di avanzamento dell’esecuzione della sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea sulle 12 discariche fuori legge in Sicilia, sul piano regionale rifiuti, sul pagamento dell’ecotassa, oggetto di un nostro esposto alla Corte dei conti, e sulla questione di Bellolampo, della RAP e dell’impianto di TMB. Per questioni di tempo non siamo riusciti ad approfondire diversi punti che avremmo voluto trattare ed è per questo che provvederò ad inviare una nota all’Assessore con i punti per i quali mi sono necessari aggiornamenti, informazioni o spiegazioni. La base di lavoro sulla quale ci siamo pienamente ritrovati è che senza una raccolta differenziata all’altezza e senza l’integrale rispetto della normativa europea e nazionale vigente il sistema di gestione dei rifiuti in Sicilia continuerà ad essere un problema non risolto. Su altri temi – come la produzione e l’incenerimento del CSS – c’è invece una distanza politica notevole. L’Assessore si è comunque detta disponibile a mettere a disposizione tutte le informazioni necessarie con la massima trasparenza e nel rispetto dei ruoli istituzionali. I nostri continui esposti, denunce e segnalazioni auspichiamo siano da sprone all’operato dell’Assessore al fine di evitare il ripetersi degli stessi disastri ambientali, sanitari, erariali e politici del passato”.

Articoli

Più letti

Mi occupo di...

Menu