L’importanza del controllo: evitata una procedura di infrazione grazie al nostro intervento preventivo

  • 12 luglio 2015
  • 381 visualizzazioni

L’importanza della nostra presenza nelle istituzioni e del nostro quotidiano lavoro di controllo ha una sua funzione anche nel prevenire le procedure di infrazione da parte dell’Europa (con le conseguenti multe e sanzioni).

In breve: ad aprile avevamo incontrato il Servizio dell’Assessorato regionale per il territorio e l’ambiente (ARTA) che si occupa di gestione del demanio marittimo e durante la riunione era emerso il nuovo orientamento di escludere i piani di utilizzo del demanio marittimo (PUDM) dalla procedura di valutazione ambientale strategica (VAS).

La nostra opinione in merito, dal punto di vista giuridico, era in contrasto con questo orientamento. D’altra parte, avendo presente come unica esigenza quella di garantire il rispetto della normativa esistente, abbiamo deciso con Ignazio Corrao (deputato europeo M5S) di interrogare la Commissione Europea in quanto unica titolata a fornire l’interpretazione.

La Commissione ha fornito la sua risposta, chiarendo che i PUDM devono essere sottoposti a VAS e fornendo tutti i riferimenti per interpretare la norma. Abbiamo immediatamente trasmesso la documentazione all’Assessorato, intimando loro di uniformarsi all’interpretazione della Commissione Europea. Ovviamente continueremo a monitorare la vicenda.

Stavolta abbiamo evitato l’ennesima procedura di infrazione anche se ancora non risulta chiaro per quale ragione le Amministrazioni, in presenza di dubbi sull’interpretazione della normativa, non si rivolgano di loro spontanea volontà alla Commissione Europea, in tal senso molto disponibile e tempestiva.

Claudia Mannino

Giampiero Trizzino

Articoli

Più letti

Mi occupo di...

Menu