Domani l’Italia sulle ecoballe rischia multa di 228 milioni di euro.

  • 15 luglio 2015
  • 787 visualizzazioni

Domani 16 giugno 2015 inizia secondo processo contro l’Italia sulla questione ecoballe, rischiamo multa di 228 milioni di euro.

Dichiarazione dei deputati Salvatore Micillo e Claudia Mannino, deputati del Movimento 5 stelle e componenti della Commissione ambiente della Camera dei Deputati.

Giovedì 16 luglio presso la Corte di giustizia dell’Unione europea avrà inizio la seconda causa Commissione europea contro Italia, in merito alla Audizione_rifiuti_Campania concernente l’emergenza rifiuti in Campania. Qualora la CGUE dovesse condannare per la seconda volta il nostro Paese ci sarebbero delle pesanti sanzioni pecuniarie da pagare, tant’è che Bruxelles ha chiesto alla Corte di condannare l’Italia al versamento  di una somma  forfettaria  di 28.089,6 euro al giorno (quantificabile su base annua in circa 10.252.704 euro) per il periodo intercorso tra la prima e la seconda sentenza e in una penalità di mora di 256.819,20 euro al giorno (vale a dire 85.606,4 euro al giorno per ogni categoria di installazione) dovuta dal giorno in cui verrà pronunciata la seconda sentenza fino al completo adempimento (quantificabile su base annua in circa 93.739.008 euro)Il Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, ha quantificato il rischio sanzioni in 228 milioni di euro. E’ bene ricordare come la seconda condanna potrebbe arrivare soprattutto per l’annoso e irrisolto problema ecoballe. Un nuovo salasso a discapito degli ignari cittadini italiani sta per arrivare che andrà ad aggiungersi a quello delle discariche abusive per cui per ora abbiamo già pagato 40 milioni di euro.

 

 

Articoli

Più letti

Mi occupo di...

Menu