Altri 20 milioni di sanzione grazie alla politica inadempiente.

  • 17 luglio 2015
  • 368 visualizzazioni

invio esposto per danno erariale

Ieri 16 luglio la Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE) ha nuovamente sanzionato il Paese Italia, questa volta per la procedura di infrazione 2007_2195 concernente l’emergenza rifiuti in Campania (le famose EcoBalle).

La CGUE ci ha condannato ad una somma  forfettaria  di 20 milioni euro e di ulteriori 120 mila euro per ogni giorno di non risoluzione del problema.

Sicuramente nei prossimi giorni il Ministro dell’Ambiente Galletti verrà in commissione a relazionarci su questa ulteriore sanzione e come per la scorsa volta lo accoglieremo con una copia dell’esposto che oggi abbiamo inviato alla Procura Generale della Corte dei Conti di Roma, ed anche questa volta abbiamo concluso la nostra denuncia con:

“Tutto ciò premesso, considerato, visto e tenuto conto, si segnala alla Corte dei Conti  il danno erariale conseguente alla decisione della Corte di Giustizia europea che, in data 16 luglio 2015, ha condannato (causa C-65313) l’Italia al pagamento di una somma  forfettaria di 20 milioni di euro ed una penalità di 120.000 euro per ciascun giorno di ritardo.

Inoltre si segnala alla Corte dei Conti come – secondo l’opinione dei firmatari del presente esposto – i responsabili del danno erariale siano i presidenti della Regione Campania pro tempore, i presidenti del Consiglio facenti funzione all’epoca dei fatti ed i vari commissari straordinari all’emergenza“.

La nostra idea per risolvere il problema delle ecoballe, o perlomeno per iniziare a risolverlo, è un progetto che gli attivisti della Campania hanno consegnato già due anni fa al Ministro; Sappiamo tutti che il problema delle ecoballe è molto complesso ed ha molti lati oscuri, primo tra tutti quello di non sapere cosa contengono. La proposta degli attivisti potrà sembrare forse troppo semplice ma ad oggi non ci sono soluzioni concrete alternative. Il punto di partenza è semplicemente aprirle ed iniziare a selezionare e recuperare quello che esse contengono, forse se si fosse investito in questo progetto già 2 ann fa la sanzione sarebbe stata inferiore….ma forse non si vuole scoprire quello che contengono.

Abbiamo firmato questo esposto tutti i deputati e senatori delle commissioni Ambiente di Camera e Senato, tutti i deputati e senatori della regione Campania oltre a molti deputati regionali e del Parlamento Europeo.

https://youtu.be/nnVvaA6xHfY

Loro non molleranno mai, NOI NEPPURE!

Articoli

Più letti

Mi occupo di...

Menu